10 assurde abitudini quotidiane che ti stanno rendendo più scemo del normale

Condividi:

Quanti di voi si considerano stupidi? Siamo certi, pochissimi. E non solo perchè nutriamo un amore e una stima incondizionata per i nostri lettori, ma anche perchè difficilmente qualcuno che ritenga di essere stupido, lo rimane a lungo. Capire di esserlo, è il primo passo per non esserlo più. Ma se ci fossero cose nella vita di ogni giorno, che ci rendessero lentamente ed inesorabilmente più stupidi? Avremmo la forza di farne a meno?

Purtroppo non sempre è possibile evitare luoghi, situazioni, e persone, che diminuiscono drasticamente le nostre potenzialità intellettive. E oggi vi stiamo per proporre una serie di punti di vista scientifici e psicologici incrociati, tutti convergenti verso un’unica tesi: la vita moderna ci sta rendendo via via più scemi. Il peggio è che, su alcuni dei punti che vi elencheremo, non possiamo farci assolutamente nulla.

Ecco 10 abitudini che ti stanno rendendo più scemo del solito

Le riunioni.

riunioni

 Possiamo anche scherzarci su, e definire le riunioni condominiali, ad esempio, la morte dell’anima e dei quozienti intellettivi di ognuno di noi. Ma la realtà è stata dimostrata dal Tech Carilion Research Institute Virginia. Lì hanno scoperto che alcune persone particolarmente sensibili, vedono alterarsi il proprio QI, se esposte a troppe riunioni di piccoli gruppi.

L’obesità

obesità

Altra piaga dei nostri tempi, l’obesità. E’ stato dimostrato dai ricercatori della Carnegie Mellon University, che l’obesità, legata a doppio nodo al consumismo del mondo occidentale, rende più faticoso il funzionamento della memoria e dei processi decisionali, a causa dell’alta pressione sanguigna che irrita i sistemi di comunicazione del cervello.

L’uso quotidiano di internet

cervello

“Come si chiamava quello lì? aspè, cerco su google”. Il nostro cervello comincia a considerare la memoria uno spreco di risorse. Perchè mai sforzarsi per tenere a mente le cose, quando su Google basta inserire una chiave di ricerca, e quelle cose ricompaiono senza sforzo? La Columbia University ha dimostrato che cominciamo ad avere tassi di richiamo delle informazioni, pericolosamente bassi.

Non dormire abbastanza

dormire

Diminuisce drasticamente le prestazioni cognitive, soprattutto in termini di consolidamento della memoria. Altro effetto deleterio: l’aumento della pressione sanguigna. In generale l’assenza di sonno rende quindi le persone meno pronte ad accogliere ed elaborare le informazioni, e sicuramente più lunatiche sotto il punto di vista comportamentale..

Fissare il proprio profilo FB 

fb

Se poteste sdoppiarvi, ed entrare nella vostra stanza mentre siete davanti al vostro profilo Facebook, notereste sul vostro volto un’espressione un po’ tonta. Il che sarebbe sintomatico di quanto stiamo per rivelarvi. La rivista Psychology ha notato che se si guarda il proprio profilo per poco tempo, la cosa ha un effetto positivo sull’autostima. Una visione prolungata diminuisce la voglia di fare.

Storie su persone stupide

persona

Se riconosco che una persona è stupida, perchè mai dovrei emularla? Perchè così fa il cervello: qualsiasi cosa guardi, ascolti, o legga, influenza emozioni e comportamento. Questo succede guardando molta tv spazzatura. Immaginate cosa può succedere se quella che riconosciamo come stupidità, siamo costretti a viverla ogni giorno sul luogo di lavoro.

Vicinanza a persone negative

negative

Restare esposti alle lamentele di una persona negativa, dal vivo o guardando la tv, sbuccia via neuroni dall’ippocampo come si trattasse di una buccia di banana. E quella “pellicina” è esattamente la parte del cervello deputata a fornire soluzione ai problemi. Ascoltiamo chi è in difficoltà, certo, ma non diamogli modo di lamentarsi più di tanto, chiamandoli a reagire immediatamente. Ne va del nostro bene e del loro.

Erba

erba

Il dibattito sull’opportunità di legalizzare l’uso di sostanze anche leggere, ma discutibili, torna di moda periodicamente. La Duke University ha voluto contribuire diramando i risultati di una ricerca, che dimostra come fumare sostanze al momento proibite sin dall’adolescenza, porta ad un inesorabile (ed insanabile) declino neuropsicologico.

Stress

stress

Restare calmi nei momenti difficili, non farsi prendere dal panico, sono qualità che potrebbero essere pregiudicate per sempre a chi ha vissuto periodi di forte stress. Lo stress infatti ha il potere di ridurre il numero di connessioni tra i neuroni, e di farlo in maniera permanente. Fate in modo quindi di non arrivare mai al punto di saturazione, o non ci sarà mai più ritorno reale.

La povertà

povertà

Quando si hanno problemi di soldi, è decisivo riuscire ad ingegnarsi quel tanto che basta a risolvere il problema, o almeno a farvi fronte in qualche maniera. E invece una ricerca di Harvard dimostra che più si è poveri, più diminuisce la capacità cognitiva di uscire dalla propria condizione, prendendo le scelte giuste.

 

(31 Visits)


Contenuti consigliati:


Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.