Tutti le chiedono perchè non ha “ancora” avuto figli e lei li mette a tacere tutti in un modo geniale

Condividi:

Il suo nome è Emily Bingham, una giornalista e scrittrice freelance, che all’età di 33 anni non ha “ancora” un figlio.

Si perchè nella società attuale non avere “ancora” un figlio all’età di 33 anni non è vista come una cosa “normale” e per questo molto spesso amici e conoscenti chiedevano con insistenza che intenzioni avesse a livello familiare.

La risposta di Emily Bingham è stata spettacolare e con un post su Facebook è riuscita a spiegare perfettamente perchè questo genere di domanda è da evitare.

Pubblicando una foto che ritrae un feto nel grembo materno, Emily è riuscita ad attirare l’attenzione di tutti i suoi contatti e non solo, infatti il suo posta è stato condiviso da migliaia di persone che la pensano proprio come lei.

Ecco il post di Emily Bingham: 

Ciao a tutti! Ora che ho attirato la vostra attenzione con questa foto presa da Google, vorrei approfittarne per ricordarvi che le intenzioni riproduttive di una persona non sono affare vostro. PER NIENTE. Prima di arrivare a chiedere a una coppia sposata da tempo quand’è che si deciderà ad avere un figlio, prima di chiedere ai genitori di un figlio unico quand’è che arriverà la sorellina o il fratellino, prima di ricordare a un/una trentenne single che l’orologio biologico ticchetta paurosamente, fate una bella cosa: fermatevi. Non fatelo. Non potete sapere se esiste un problema di infertilità, se c’è stato da poco un aborto spontaneo o se dei problemi di salute impediscono il concepimento, così come non potete sapere se quella persona non si sente pronta in quel momento o semplicemente sa che dei figli non li farà mai. Alcune persone sostengono che questo tipo di domande sorgono spontanee e vengono dal cuore, ma sebbene le intenzioni possano essere innocue, l’impatto di queste “inquisizioni” può ancora fare male“.

Post originale di Emily Bingham (qui).

 

(101 Visits)

Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.