Ti sei mai chiesto come funziona il bagno di un aereo?

Condividi:

Avete mai provato i bagni degli aeroplani? Se non l’avete ancora fatto, non vi consiglieremo certo di correre in agenzia a comprare un biglietto aereo low cost per darvi al testing estremo. Ma possiamo dirvi che non si tratta di bagni normali, né di sciacquoni che si vedano ogni giorno. A questi servizi igienici manca del tutto la cassetta dove viene raccolta l’acqua destinata a detergere. E allora come funzionano, in alta quota, questi water volanti?

Gli aerei più piccoli, destinati comunque a coprire brevi tratte di volo (da una a quattro ore), conservano ancora il sistema del bagno chimico, per cui la pulizia del water è affidata ad un liquido disinfettante che scioglie letteralmente tutti gli sgradevoli rimasugli, e li assorbe fino a passare da un colore azzurrino ad un disgustoso colore marrone  rossiccio, per le ragioni che potete ben immaginare. Ma negli aerei più grandi la musica cambia.

bagno

Gli aerei internazionali, che coprono tratte di viaggio superiori, adottano il sistema detto Vacuum System. Per dirla in parole semplici, si apre una piccola valvola, per pochi secondi, che dà sull’esterno dell’aereo. A quel punto si crea una tale differenza di pressione tra l’interno e l’esterno, che tutto quanto è presente nel water, viene letteralmente risucchiato via. Altro che sciacquone, insomma.

ff

E dove finisce il nostro sudato lavoro? Non viene certo sparato in orbita, nè viene lasciato atterrare delicatamente al suolo, su ignari e sfortunatissimi passanti. Tutto quanto viene aspirato dal water, viene raccolto in una sorta di serbatoio, che ad ogni atterraggio puntualmente viene svuotato e sostituito, prima di essere accuratamente igienizzato in vista del suo riutilizzo su un altro aereo di linea.

ee

Per i lavandini il discorso è più semplice, visto che i liquidi di scarto dei lavandini consistono fondamentalmente in acqua, che per quanto possa essere sporca (dopo un lavaggio di mani), resta pur sempre acqua. In questo caso l’acqua viene lanciata all’esterno, previa nebulizzazione. Viene dispersa nel cielo, fondamentalmente senza alcuna conseguenza.

mm

Molte sono le leggende metropolitane legate al sistema di scarico degli aerei. Ma una in particolare spicca. Si parlò qualche anno fa di un’anziana signora, che, sedutasi sul water per dar seguito a quanto madre natura le chiedeva, incautamente azionò il sistema dello sciacquone Vacuum System mentre era ancora seduta. La forza aspirante del meccanismo le tirò fuori due – tre metri di intestino. Ma trattasi di leggenda. Favole per bambini creduloni (speriamo).

(77 Visits)


Contenuti consigliati:


Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.