6 cose assurde che capitano al tuo corpo se vai a dormire ubriaco

Condividi:

Se avete alzato troppo il gomito e siete riusciti ad arrivare a casa vostra tutti interi, siete stati fortunati. Una volta giunti nella vostra camera da letto, l’unico pensiero (offuscato) che vi balena nel cervello, è il letto. Un desiderio che è più di una necessità. Dopo una sbronza, non si può proprio fare a meno di dormire, quanto più a lungo possibile. Ma quel sonno sarà ristoratore?
Nient’affatto. Dopo quel sonnellino di svariate ore, non vi sentirete affatto meglio, anzi. La sensazione di malessere generale che vi renderà ancora intontiti dopo molte ore, sarà anche conseguenza di un sonno estremamente disturbato. Scoprite cosa succede al vostro corpo se andate a dormire ubriachi, e forse la prossima volta ci penserete due volte prima di ordinare un altro drink.

bottiglia

Ci si addormenta troppo in fretta

E’ vero, addormentarsi da ubriachi non è certo un problema. Ci si addormenta immediatamente o quasi, ed altrettanto in fretta ci si ritrova nella fase più profonda del sonno, saltando quella superficiale che solitamente coincide con il dormiveglia. Cosa c’è di male in tutto questo? Si sfalsano completamente i cicli REM del sonno, fondamentali per le funzioni rigenerative del cervello, provenienti da una buona dormita.

Si dorme con una frequenza cardiaca superiore alla norma

Cadere sul letto e piombare a dormire come sassi non è sinonimo di “gran dormita”. Quella dormita che sembra tanto naturale ed inevitabile, in realtà avviene in un contesto di alta frequenza cardiaca, con relativa pressione sanguigna aumentata e con un sistema nervoso molto più operativo del normale. Risultato? Non ci si sveglia per niente riposati.

Un REM disturbato

In una notte si passa solitamente tra i cinque ed i sette cicli REM. L’alcool è in grado di ritardare o disturbare gli ultimi clicli, fondamentali per il nostro benessere psico-fisico, perchè in grado di elaborare ricordi, stress, ed emozioni quotidiane. Se non si attraversano tutti i cicli REM, qualcosa del nostro corpo ci dirà al mattino che non siamo pronti per la giornata.

Sudore, incontinenza, sete

Una notte trascorsa tra queste tre parole magiche è quanto vi aspetta dopo aver bevuto troppo alcool. Vi sveglierete nel cuore della notte con un impulso irrefrenabile ad andare in bagno. Questo perchè l’alcool stimola i liquidi ad uscire, anzichè a trattenersi nel corpo, e conseguentemente provoca disidratazione, anche a causa dell’apertura dei pori della pelle, che espellono sudore maleodorante.

Si russa

Si russa quando i muscoli della gola si rilassano oltremisura. L’alcool porta anche a questo. Ma non solo. Michael Breus certifica che l’alcool porta anche fenomeni meno innocui quali sonnambulismo (vi piace sapere che nel sonno rischiate di alzarvi senza sapere dove mettete i piedi?), chiacchierate nel sonno (vi piace sapere che nel sonno rischiate di confessare cose che in stato di veglia non direste mai?), e problemi di memoria (vi piace dimenticare quando siete nati?)

Svegliarsi di soprassalto

Se è vero che l’alcool vi precipita in un sonno profondo immediatamente, è anche vero che non appena il suo effetto comincia a svanire, il corpo vien fuori dal sonno profondo ed è molto più facile vi svegliate troppo presto. E se non ci si sveglia, ci si gira e rigira nervosamente nel letto, magari aprendo gli occhi frequentemente per poi richiuderli. Risultato? il solito. Se il giorno dopo dovete lavorare, sono problemi seri.

(2083 Visits)


Contenuti consigliati:


Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.