LA MAMMA ABBRACCIA IL KILLER DI SUA FIGLIA IN TRIBUNALE. IL MOTIVO È COMMOVENTE

Condividi:

Abbraccia Killer

Due anni dopo la morte di sua figlia a soli 13 anni, una madre coraggiosa è riuscita non solo ad affrontare l’assassino in tribunale, ma anche a salutarlo con un abbraccio sincero.

Ady Guzman-DeJesus ha fatto quello che molte persone fanno fatica anche solo ad immaginare: ha accettato il patteggiamento con Jordyn Howe, che all’epoca dei fatti, nel 2012, aveva 13 anni. Così la donna ha voluto evitare di far crescere un adolescente in prigione a causa di un tragico errore.

Durante la settimana del Ringraziamento del 2012 i due ragazzini, compagni di scuola, si trovavano sullo stesso scuolabus. Howe aveva portato con sè una pistola sottratta dalla casa in cui viveva con la madre e il compagno per poterla mostrare ai suoi amici. Il ragazzo sapeva che la pistola era carica, ma il colpo partì accidentalmente e colpì Lourdes al collo, causando la sua morte. Howe passerà un anno in una struttura minorile nella Florida centrale. Dopo il suo rilascio, dovrà prestare servizio alla comunità e tenere discorsi nelle scuole sulla pericolosità delle armi da fuoco.
Dopo la lettura della sentenza, il ragazzo ha chiesto perdono alla madre della sua compagna di scuola e lei glielo ha accordato con un abbraccio sincero.

(12 Visits)


Contenuti consigliati:


Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.