Fumatori maggiormente a rischio suicidio secondo una ricerca. Ecco perchè

Condividi:

Fumatori a rischio suicidio

L’associazione tra tabacco e suicidi era già nota da molti anni, ma si trattava di un coincidenza di cattive abitudini e drammi personali.

Si pensava infatti che il maggior numero di fumatori tra suicidi e aspiranti tali non fosse altro che espressione della maggiore tendenza a fumare di chi tende a stati di depressione. Ora, però, su tutti questi dubbi e incertezze viene fatto chiarezza da una ricerca condotta nella Washington University School of Medicine, la cui sintesi è stata recentemente pubblicata dalla rivista Nicotine & Tobacco.

Secondo quanto scoperto dagli studiosi americani, infatti, le sostanze contenute nella sigaretta potrebbero indurre stati psicologici tendenti alla depressione. Richard Gruzca, principale autore dello studio, ha spiegato che “La nicotina è un candidato plausibile per spiegare la connessione tra fumo e suicidi”. A Gruzca, inoltre, l’iter appare chiaro: “Come qualsiasi altro farmaco che crea dipendenza, la gente inizia ad assumere nicotina per sentirsi bene, ma alla fine ne hanno bisogno per sentirsi normale. L’uso cronico può contribuire a causare depressione o ansia, che possono aiutare a spiegare il collegamento al suicidio”.

Come già considerato da molti blogger che hanno riportato per intero la ricerca, quella della Washington University School of Medicine non vuole essere vista come una delle solite campagna contro il fumo, ma come un vero e proprio campanello d’allarme verso chi crede che fumare nei momenti di stress sia l’unica soluzione per stare bene e, questo concetto, è totalmente sbagliato in confronto alla realtà dei fatti.

(9 Visits)

Condividi:
No tags for this post.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.