Troppi tatuaggi sul corpo: “Niente risonanza magnetica”

Condividi:

Troppi Tatuaggi

Questa assurda storia ha avuto luogo poche ore fa a Cesena dove ad una ragazza gli è stata negata la risonanza magnetica.

HA TROPPI tatuaggi sul corpo, non può sottoporsi alla risonanza magnetica perché rischierebbe di rimanere ustionata. È successo a una ventiseienne cesenate che si è presentata al reparto di radiologia dell’ospedale Bufalini di Cesena. «Ci sono rimasta male — racconta la ragazza —. Del resto mi avevano detto soltanto che dovevo togliermi gli orecchini e le eventuali collane». E invece a impedire che potesse sottoporsi a una risonanza magnetica all’addome c’era qualcosa che di certo non si può togliere come se fosse un abito: i suoi colorati tatuaggi su una coscia, sulla schiena e in altre parti del corpo.

La ragazza ha così dato luogo ad una situazione tutt’altro che personale, visto che, dopo il suo caso, è arrivata nei TG la notizia che, per chi ha tatuaggi sul corpo, c’è una possibilità concreta che l’esame non serva a nulla poiché i metalli contenuti negli inchiostri con cui si effettuano i tattoo oltre a surriscaldarsi, stimolano immagini falsate. Questo, anche se si devono fare esami su parti del corpo dove non ci sono tatuaggi.

«PURTROPPO questo è un problema che sta diventando assai frequente — commenta il dottorMaurizio Mughetti, primario del reparto di Radiologia del Bufalini —. L’incompatibilità tra i campi magnetici della risonanza e gli elementi metallici è un fatto assodato che, prima dell’invasione della moda dei tatuaggi, non costituiva un problema. Da circa un anno e mezzo, tra l’altro, nel nostro reparto è in uso una macchina più sofisticata e attendibile ma anche a un più alto campo magnetico, cosicché il rischio di ustioni gravi per chi porta tatuaggi ampi è molto alto».
Che fare, dunque, se si ha la necessità di effettuare un esame diagnostico come la risonanza quando il corpo è tatuato? «Si può ricorrere alla Tac, la tomografia assiale computerizzata, oppure, come è sempre consigliabile prima di arrivare a questo livello di diagnostica, sottoporsi ad una ecografia».

(109 Visits)

Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.