Condannato a 30 giorni in psichiatria per dei post su Facebook [FOTO]

Condividi:

Condannato per Facebook

Nonostante la notizia che segue possa sembrare per molti un film di fantascienza, in realtà è soltanto una storia accaduta qualche tempo fa.

La vicenda, ha come protagonista l’ex marine Brandon J. Raub, 26 anni, residente a Virginia, negli Stati Uniti.

Il ragazzo in questione, lo scorso 16 agosto venne arrestato e portato in una clinica psichiatrica per un periodo di 30 giorni per aver postato su Facebook alcune frasi. Brandon, secondo quanto riportato, avrebbe scritto sul suo profilo che, in realtà, l’America sarebbe stata l’unica responsabile degli attacchi terroristici portati a termine l’11 settembre, affermando che il paese è in mano a dei malvagi cabalisti, i quali, per creare scompiglio e diffondere malattie, rilasciano persino nel cielo, periodicamente, sostanze dannose come il bario.

Di seguito, eccovi uno stamp delle attività svolte dal ragazzo su Facebook:

Arrestato Facebook

Arrestato Facebook

Facendo una ricerca in rete, si può scoprire come l’FBI, in collaborazione con i servizi segreti americani, abbia fatto irruzione in casa del ragazzo per interrogarlo ma, siccome Brandon si sarebbe rifiutato di collaborare continuando a fare domande, per lui sono subito scattate le manette. Fortunatamente, però, la sua condanna ”psichiatrica”, dove l’hanno costretto a prendere delle pillole per la lucidità, è durata soltanto 30 giorni.

Eccovi infine un video che fa da testimone a quanto accaduto.

(16 Visits)

Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.