Ora è ufficiale, possiamo dire addio al tagliando sul parabrezza. L’assicurazione si vedrà dalla targa

Condividi:

tagliandino-parabrezza

A breve non si dovrà più esibire il tagliando dell’assicurazione sul parabrezza, l’assicurazione verrà controllata dalla targa che verrà comunicata elettronicamente alla motorizzazione la quale fornirà immediato riscontro.
Una giusta norma contro la contraffazione e non solo, sarà impossibile falsificarla e molto rischioso non farla…

A breve potremo dire addio al tagliando cartaceo dell’assicurazione. Tutti i conducenti di veicoli a motore su strada, compresi quelli a due ruote, non dovranno più esibirlo sul parabrezza.

Le Forze di Polizia e i Vigili Ubani potranno controllare automaticamente l’avvenuto pagamento della polizza assicurativa, incrociando la lettura della targa del veicolo con l’archivio della Motorizzazione Civile che, oltre ai dati dei mezzi circolanti, raccoglie anche quelli sulle polizze.

Quello che già avviene in alcune città, come Ciampino, dove la Polizia Locale è dotata del sistema elettronico “targa system” che, partendo dalla targa, rintraccia auto rubate, non revisionate e, appunto, senza assicurazione.

Ricorrere all’informatizzazione dei dati per combattere il fenomeno dell’evasione dell’RC auto resta, a quanto pare, l’unica via di uscita. I dati in tal senso parlano chiaro. Secondo l’ultimo rapporto Ania (l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici), nel 2012 in Italia circolavano 3,1 milioni di veicoli senza assicurazione.

La novità rispetto a quanto accade già oggi, consiste nel fatto che non sarà più necessario controllare il singolo veicolo per poi inoltrare i dati in archivio, ma sarà possibile effettuare verifiche su più mezzi contemporaneamente. Basterà, ad esempio, il semplice passaggio sotto un varco Ztl o un tutor autostadale.

Con l’uscita di scena del tagliando cartaceo, è destinato a finire il mercato della falsificazione dei contrassegni.

(16 Visits)


Contenuti consigliati:


Condividi:
No tags for this post.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.