15 Film Famosi Con Significati Nascosti

Condividi:

Un film può contenere sottotesti impensabili: ecco 15 esempi di film molto famosi che sicuramente avrete già visto, almeno in parte.

Brood - La covata malefica (David Cronenberg, 1979)

1. Brood – La covata malefica (David Cronenberg, 1979)

Di cosa parla veramente: divorzio e custodia dei figli

Il film è stata un’esperienza catartica per Cronenberg, che era stato coinvolto in una battaglia per la custodia prima di scrivere la sceneggiatura. Egli ha definito il film autobiografico, modellando parzialmente il personaggio di Samantha Eggar sulla sua ormai ex-moglie.

2. Mezzogiorno di fuoco (Fred Zinnemann, 1952)

2. Mezzogiorno di fuoco (Fred Zinnemann, 1952)

Di cosa parla veramente: il maccartismo

Girato nel 1951 durante la guerra di Corea, la trama del film è fortemente influenzata dagli eventi riguardanti la Commissione per le attività antiamericane (HUAC). Carl Foreman, lo sceneggiatore, si è rifiutato di fare i nomi, ed è stato etichettato come “testimone non collaborativo.” E’ stato inserito nella lista nera. Guardando il film con questo background di conoscenze, è impossibile non tener conto dei parallelismi tra l’inerzia della città di fronte al pericolo in arrivo e il rifiuto di molti a Hollywood per difendere i loro coetanei perseguitati.

Prometheus (Ridley Scott, 2012)

3. Prometheus (Ridley Scott, 2012)

Di cosa parla veramente: il cristianesimo

Alcuni hanno letto il film come un’esplorazione dei principi fondamentali del cristianesimo, come suggerito nella scena iniziale in cui uno degli umanoidi Ingegneri si sacrifica, e il suo DNA è il catalizzatore per la creazione della vita. Ci sono indizi in tutto il film che alludono al cristianesimo, come la struttura che assomiglia ad un crocifisso e la “gravidanza” innaturale. Un riferimento molto più sottile è il nome della luna – LV-223 – che sembra fare riferimento a Levitico 22:3, un brano che parla della punizione prescritta per i discendenti immondi. Ridley Scott ha confermato tali sospetti quando ha dichiarato apertamente che, in una prima versione dello script, viene rivelato che gli ingegneri avevano inviato uno di loro sulla Terra… ma lo abbiamo crocifisso.

4. Chi ha incastrato Roger Rabbit (Robert Zemeckis, 1988)

4. Chi ha incastrato Roger Rabbit (Robert Zemeckis, 1988)

Di cosa parla veramente: il razzismo e la segregazione

Non è una forzatura dire che il divario uomo-cartoon in questa pietra miliare rispecchia da vicino le barriere razziali in vigore negli Stati Uniti. La maggior parte dei personaggi animati del film vivere separatamente in Toontown, anche se alcuni hanno un lavoro a Hollywood come animatori e sono tollerati come tali.

5. A Serbian Film (Srdjan Spasojevic, 2010)

5. A Serbian Film (Srdjan Spasojevic, 2010)

Di cosa parla veramente: Una critica del governo serbo

Gli spettatori intrepidi che hanno affrontato questo film dell’orrore estremo potrebbero respingere la teoria come un tentativo da parte dei realizzatori per testare i limiti del buon gusto e della censura (è attualmente vietato in molti paesi, compresi quelli occidentali). Secondo il regista del film, però, c’è in realtà un messaggio incorporato nella depravazione. “Questo è un diario delle molestie da parte del governo serbo” ha dichiarato. Ma al pubblico che non ha familiarità con la politica serba sarà improbabile interpretare così il film.

6. The Brave Little Toaster (Jerry Rees, 1987)

6. The Brave Little Toaster (Jerry Rees, 1987)

Di cosa parla veramente: la fede cristiana e / o l’Olocausto

Non si può negare che si tratta di film oscuro. Ci sono riferimenti al suicidio, vaghe allusioni sessuali e una sequenza da incubo con un clown malvagio. Ma si può leggere il film anche come una allegoria cristiana. Ci sono diverse scene di sacrificio che portano a pensare alla resurrezione. In alternativa, l’Olocausto sembra essere nella mente del film in più di una occasione, quando la lampadina si lamenta: “Sto bruciando!” e un frullatore viene smontato in una scena agghiacciante, scena sostanzialmente presentata come una vivisezione, che ricorda la sperimentazione umana nazista, e il climax del film si svolge in un campo di sterminio vero e proprio per le auto. Anche Toy Story 3 è stato interpretato da alcuni come una allegoria dell’Olocausto e presta sostegno a questa interpretazione del film.

7. Aliens (James Cameron, 1986)

7. Aliens (James Cameron, 1986)

Di cosa parla veramente: La guerra del Vietnam

Cameron ha spiegato che che il film evoca la guerra del Vietnam tematicamente oltre che esteticamente; i soldati si trovano di fronte un nemico che, pur meno tecnologicamente avanzato, si dimostra più letale del previsto. Anche in futuro, l’arroganza è ancora un problema nei militari e può avere conseguenze mortali.

8. RoboCop (Paul Verhoeven, 1987)

8. RoboCop (Paul Verhoeven, 1987)

Di cosa parla veramente: Gesù Cristo (ancora una volta)

Il regista Paul Verhoeven non ha nascosto il suo scopo di ritrarre il personaggio di RoboCopcome una figura di Cristo. Dopo tutto, Murphy subisce una morte crudele e dolorosa per mano di sadici, solo per essere resuscitato e diventare una figura di salvatore. Naturalmente porgere l’altra guancia non è esattamente lo stile di Robocop. Come il regista olandese ha dichiarato, è “il Gesù americano”.

9. Alien (Ridley Scott, 1979)

9. Alien (Ridley Scott, 1979)

Di cosa parla veramente: stupro

Tutto ciò che riguarda l’Alien è calcolato per evocare immagini inquietanti di violazione sessuale. La creatura di H.R. Giger è progettata come un incubo sessuale fatto carne. Il suo ciclo di vita non è meno inquietante: la creatura violenta oralmente le sue vittime, e li insemina a forza prima di far scoppiare il corpo dell’ospite.

10. Eraserhead (David Lynch, 1977)

10. Eraserhead (David Lynch, 1977)

Di cosa parla veramente: La paura della paternità

Questa storia surreale e kafkiana è caricata con una serie di ricchi simbolismi, ma gli elementi sconcertanti del film non sono affatto casuali. Il messaggio più tangibile della pellicola, tuttavia, è la prospettiva spaventosa della paternità, soprattutto quando è pianificata.

11. Funny Games (Michael Haneke, 1997)

11. Funny Games (Michael Haneke, 1997)

Di cosa parla veramente: L’impatto della violenza nei media

Con il tentativo di ritrarre la violenza in tutta la sua bruttezza, il film riesce perché è inquietante, ma mai divinizza lo spargimento di sangue (la maggior parte di esso si verifica fuori schermo). E’ in questo modo che il messaggio diventa chiaro: noi, il pubblico, siamo colpevoli di godere della violenza fittizia senza apprezzare il suo vero orrore.

12. Il Mago Di Oz (Victor Fleming, 1939)

12. Il Mago Di Oz (Victor Fleming, 1939)

Di cosa parla veramente: populismo

Gli indizi ci sono tutti, a partire dal titolo (“Oz” è l’abbreviazione di “oncia”, un modo attraverso il quale si misura l’oro). Lo Spaventapasseri, l’Uomo di latta e il Leone Codardo rappresentano rispettivamente gli agricoltori, l’industria siderurgica, e un uomo politico democratico William Jennings Bryan. “Il Sentiero dei Mattoni Gialli” è il gold standard, e le pantofole di Dorothy (rubino nel film, ma d’argento nel libro) rappresentano l’alternativa. E, naturalmente, la Città di Smeraldo e il suo mago simboleggiano il valore ingannevole del denaro.

13. Il cuoco, il ladro, sua moglie e l'amante (Peter Greenaway, 1989)

13. Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante (Peter Greenaway, 1989)

Di cosa parla veramente: Un attacco a Margaret Thatcher e il suo governo conservatore

Per capire il sottotesta bisogna avere familiarità sia con l’obiettivo della critica (in questo caso, il thatcherismo) sia con le intenzioni del regista, che ha esplicitamente dichiarato che il suo film “era iniziato come una sorta di diatriba contro la Gran Bretagna thatcheriana.” In poche parole, il “ladro” del titolo rappresenta l’avidità e l’arroganza volgare con cui il regista indica la Thatcher, e la moglie abusata sta per il britannico comune. Il suo amante segreto è l’opposizione intellettuale, ma impotente, e il cuoco è il funzionario comune obbediente ma risentito.

14. Drag Me To Hell (Sam Raimi, 2009)

14. Drag Me To Hell (Sam Raimi, 2009)

Di cosa parla veramente: disturbi alimentari (bulimia, in particolare)

Per iniziare, se il film fosse un paziente in psicoanalisi, verrebbe senza dubbio definito una persona con una fissazione orale. Per tutto il film, Christine, la protagonista, ha vari oggetti che entrano o escono dalla bocca e dalla gola, dal vomito agli insetti. Ma questo è solo un modo per disturbare il pubblico, giusto? Vero, ma prendete in considerazione i seguenti dettagli: Christine era grassa, è intollerante al lattosio, gli attacchi soprannaturali nel corso del film sembrano ruotare intorno a cibi o si verificano quando il cibo è presente, e la zingara che le lancia la maledizione ha capelli, unghie, pelle e denti danneggiati, tutti sintomi della bulimia.

15. Shining (Stanley Kubrick, 1980)

15. Shining (Stanley Kubrick, 1980)

Di cosa parla veramente: L’annientamento dei nativi americani

Molto è stato detto nel corso degli anni sui possibili significati nascosti presenti in Shining, dalle accuse sul presunto (e falso?) allunaggio all’uso del simbolismo nazista. Proprio di recente, un documentario piuttosto bizzarro intitolato Room 237 ha analizzato esclusivamente questi concetti, e molto altro. Non tutte le teorie sono prive di senso, però, e quello che ha forse la più grande quantità di elementi di prova è che il film racconta quello che i coloni bianchi hanno fatto agli abitanti originari degli Stati Uniti. Il primo indizio è la casuale menzione del direttore che l’Overlook è stato costruito su un cimitero indiano, un dettaglio non presente nel romanzo. Tali cambiamenti sono particolarmente degni di nota, data la reputazione di Kubrick per la meticolosità e il perfezionismo. Inoltre l’hotel è pieno di motivi e opere d’arte dei nativi americani; e il diluvio di sangue che sgorga dall’ascensore può essere visto come la rappresentazione della morte dei nativi americani.

(78 Visits)

Condividi:
No tags for this post.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.