Città dove si vive meglio in Italia nel 2014

Condividi:

Città dove si vive meglio in Italia nel 2014

Quello che emerge a prima vista leggendo le pagine di Ecosistema Urbano è che sul podio, le città dove si vive meglio sono tutte piccole e situate al Nord Italia.

Stilato in collaborazione con Ambiente Italia e Il Sole 24 Ore, il 21esimo rapporto di Legambiente fotografa un Pese molto in crisi, dove le città sono molto inquinate, la gestione dei rifiuti non raggiunge, talvolta, livelli di sufficienza, e i servizi al pubblico, come i trasporti, sono sempre di meno. L’insieme dei dati di Ecosistema Urbano ci dice che ‘le città italiane vanno a tre velocità: sono lente, lentissime e statiche‘.

Classifica delle città in cui si vive meglio

Ad aprire la classifica delle città dove si vive meglio è Verbania, seguita da Belluno, poi Bolzano, Trento e Pordenone. Al sesto posto segue L’Aquila, Perugia, Oristano, La Spezia e Venezia. Gli ultimi posti in classifica sono occupati da Reggio Calabria, Catanzaro, Messina, Crotone, Isernia e infine Agrigento.

Gli indicatori

  • I 18 indicatori selezionati per confrontare tra loro i 104 capoluoghi di provincia italiani comprendono:

  • 3 indici sulla qualità dell’aria (concentrazioni di polveri sottili, biossido di azoto e ozono)

  • 3 indici sulla gestione delle acque (consumi, dispersione della rete e depurazione)

  • 2 indici sui rifiuti (produzione e raccolta differenziata)

  • 2 indici sul trasporto pubblico (offerta ed uso che ne fa la popolazione)

  • 5 indici sulla mobilità (tasso di motorizzazione auto e moto, modale share, indice di ciclabilità e isole pedonali)

    1 indice sull’incidentalità stradale

  • 2 indici sull’energia (consumi e diffusione rinnovabili)

    Mentre quattro indicatori su uno, selezionati per la classifica finale (tasso di motorizzazione auto, tasso di motorizzazione moto, incidenti stradali e consumi energetici domestici), utilizzano dati pubblicati da Istat.

Le parole del presidente di Legambiente

Non mancano i segnali di cambiamento: il successo della raccolta differenziata a Milano e Andria, il car-sharing a Roma e Milano, le pedonalizzazioni a Bologna, la mobilità a Bolzano, pochi segnali positivi in una situazione bloccata‘ ha commentato il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza. ‘Eppure la discussione nel paese sta ripartendo, complice il dibattito sui fondi strutturali e le questioni aperte dalla istituzione delle città metropolitane. Al suo ventunesimo anno, Ecosistema Urbano ripete con evidenza che c’è bisogno di una strategia positiva di trasformazione delle città. Quello che davvero manca è la capacità di immaginare il traguardo, il punto d’arrivo verso cui tendere, sia nel breve che nel lungo o lunghissimo periodo‘.

(61 Visits)

Condividi:
No tags for this post.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.