ATTENZIONE!! – Rischio morte per farmaci da reflusso. Ecco i nomi dei 6 medicinali segnalati!

Condividi:

Pericolo Farmaci

Un vero e proprio allarme quello scattato su alcuni medicinali che negli ultimi giorni è stato ”nascosto” dai media, anche perchè la zona principale a cui viene rivolto questo allarme è la Francia. Tuttavia, alcuni di questi farmaci sono ancora in circolazione in Italia ed è per questo che abbiamo deciso di diffondere quest’articolo. Eccovi tutte le informazioni che servono per evitare pericoli.

Nome del principio attivo: DOMPERIDONE, Farmaco di classe C, a carico del cittadino. Indicazioni farmacologiche: Attenuazione della nausea e del senso di pienezza e pesantezza gastrica; trattamento coadiuvante della malattia da reflusso gastroesofageo; dispepsia; rigurgito.

Medicinali di marca contenenti domperidone:

Digestivo Giuliani – di Giuliani Spa

Fobidon – di Biomedica Foscama

Permotil – di Sofar Spa

Stalcare – di Epifarma S.R.L-

Peridon – di Italchimici Spa-

Motilium – di Janssen Cilag S.P.A

Medicinali generici contenenti domperidone. Vengono venduti con il nome del principio attivo seguito da quello del produttore:

Domperidone Copernico srl

Domperidone Laboratori Alter

Domperidone JET GENERICI

Effetti collaterali: morte?

È allarme in Francia per gli effetti provocati dai farmaci che contengono come principio attivo il domperidone. Con l’obiettivo di tutelare la salute dei pazienti, infatti, l’autorevole rivista francese “Prescrire” lancia un appello per chiedere il ritiro definitivo dal mercato dei farmaci a base di questa sostanza. La decisione di lanciare questa sorta di ultimatum nasce dall”analisi dei risultati di uno studio, pubblicato il 19 febbraio scorso, condotto dal board editoriale della rivista, sui dati di prescrizione di domperidone in Francia nel corso del 2012 e alla stima degli effetti avversi gravi attribuibili all”impiego di questo farmaco. Da alcuni anni è nota l’associazione tra domperidone e rischio cardiaco tanto che l’Agenzia italiana del farmaco aveva già emesso nel 2011 una Nota informativa importante per mettere in guardia gli operatori sanitari.

(48 Visits)

Condividi:
No tags for this post.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.