Una bambina con due papà gay scrive a Obama. Lui risponde…

Condividi:

Lettera a Obama

“Volevo solo dirti che sono felice che sei d’accordo che due uomini possano amarsi perché ho due papà e loro si amano. Ma a scuola gli altri bambini pensano che questo sia disgustoso e strano e questo mi ferisce. Scrivo a te perché sei il mio eroe. Se tu fossi me e avessi due papà che si amano, e i bambini a scuola ti prendessero in giro per questo motivo, che faresti? Rispondimi, per favore!”

Questa la lettera che la piccola Sophia Bailey Klugh, bambina americana di 10 anni figlia di una coppia gay, ha scritto al presidente Obama circa una settimana prima che venisse rieletto nuovamente come presidente degli Stati Uniti.

La bambina, la cui identità ora è pubblica a tutte le TV americane, come già accennato è figlia di due uomini, Jonathan Bailey e Triton Klugh, di cui è molto fiera ed è contenta che i due si amino, dandogli tutto il bene e l’amore di cui ha bisogno.

Alla fine della lettera, inoltre, la piccola ha aggiunto anche una piccola firma, scrivendo ”La tua amica Sophia” ed ha tenuto a salutare le due figlie del presidente, chiedendo se poteva andare qualche volta a cena da lei.

A quanto pare, il presidente Barack Obama, dopo aver reso pubblica la lettera della bambina alle TV statunitensi, facendo un appello a tutte quelle persone che deridono dei matrimoni e delle coppie gay, ha anche mandato un messaggio alla piccola Sophia; eccolo di seguito.

“In America – risponde Obama  non esistono due famiglie che siano uguali. Noi celebriamo questa diversità. Riconosciamo che a prescindere che si abbiano due papà o una mamma quello che conta più di tutto è l’amore che mostriamo l’un l’altro. Tu sei molto fortunata ad avere due genitori che si prendono cura di te. Loro sono fortunati ad avere una figlia eccezionale come te. Le nostre differenze ci uniscono. Tu e io siamo benedetti dal vivere in un Paese dove siamo nati uguali, dove non importa come sembriamo esteriormente, dove siamo cresciuti o chi siano i nostri genitori. Una buona regola è trattare gli altri nel modo in cui speri trattino te. Ricorda ai tuoi compagni questa regola se ti dicono qualcosa che ferisce i tuoi sentimenti. Mi dispiace di non essere venuto a cena, ma saluterò Sasha e Malia da parte tua.”

A voi i commenti…

(4 Visits)


Contenuti consigliati:


Condividi:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.